Il nostro programma

L'università per tutte e tutti!

Da anni l’UDU Palermo lotta a fianco delle studentesse e degli studenti di UniPa per un’università equa e che rispetti i diritti di tutte e di tutti, e riusciamo a farlo anche grazie al sostegno che ogni giorno ci date.

In questi anni abbiamo ottenuto parecchie vittorie, ma di obiettivi da raggiungere ce ne sono ancora tanti e di idee ancora di più!

Al centro del nostro programma per il Consiglio degli Studenti, come sempre, sta lo studente in quanto tale e in quanto soggetto attivo nella società.

Qualità della didattica
e diritti digitali

Didattica innovativa

Oggi si sente l’esigenza di rivalutare la didattica, innovare i suoi metodi di erogazione mantenendola al passo con le nuove tecnologie e rendendo centrale la figura degli studenti e delle studentesse, così da adattarla alle peculiarità delle nuove generazioni pensando a momenti di formazione che accompagnino i docenti in questo percorso di svecchiamento.

Lezioni registrate

Riteniamo necessaria l’apertura di una biblioteca digitale di videolezioni che serva da supporto, arricchendo le ore di studio personale e compensando l’impossibilità di alcuni di seguire le lezioni in tempo reale.

Diritti digitali

Oggi è utopico non considerare che ogni studente necessita di supporti tecnologici che lo accompagnino nel suo percorso formativo e per questo chiediamo un pieno ed effettivo Diritto di accesso a Internet in condizioni di parità per tutti gli studenti e le studentesse, prevedendo i necessari interventi per il superamento di ogni forma di divario digitale tra cui quelli determinati dalle condizioni economiche oltre che da situazioni di vulnerabilità personale e disabilità.

Tutor didattici e per disabilità

Chiediamo che vengano incrementati i finanziamenti per un numero maggiore di ore di tutorato.

Chiediamo che venga garantita la possibilità per le studentesse e gli studenti diversamente abili di usufruire del servizio di tutorato per tutto l’anno accademico e non solo per sei mesi.

Diritti
all'esame

Anticipazione comunicazione appelli d'esame

Per una più efficiente organizzazione dello studio di ogni studente e studentessa del nostro ateneo, chiediamo che le date di appello vengano comunicate almeno 45 giorni prima dalla data stabilita per l’appello d’esame.

Novembre ai part-time

Vogliamo che venga garantito a tutta la fetta di popolazione studentesca iscritta part-time l’apertura dell’appello di novembre a tutte e tutti, come previsto dal nostro Regolamento Didattico d’Ateneo, senza alcun ostacolo.

Regolamentazione prove in itinere

Nonostante l’importanza che negli anni hanno acquisito le prove in itinere, sia per le studentesse e gli studenti, sia per i docenti, l’accesso alle prove non è mai stato regolamentato. 

Chiediamo che vengano regolamentate così che tutta la popolazione studentesca possa conoscerne a fondo le modalità di partecipazione e valutazione.

Centro linguistico
di Ateneo (CLA)

8 appelli al CLA

Chiediamo che il CLA garantisca a tutte le studentesse e gli studenti la possibilità di usufruire di 8 appelli per anno accademico, come previsto dal nostro Calendario Didattico di Ateneo.

Certificazioni linguistiche

Vogliamo che il Centro Linguistico di Ateneo (CLA) rilasci alle studentesse e agli studenti di UniPa, a seguito del sostenimento dell’esame di lingua, il rilascio di una certificazione che attesti il livello linguistico acquisito, in maniera gratuita.

Efficienza dei
tirocini

Riorganizzazione del portale Almalaurea

Riteniamo che sia opportuna una riorganizzazione del portale Almalaurea, rendendo obbligatorio per ogni struttura convenzionata specificare il ruolo che andrebbe a ricoprire ogni candidato, così che quest’ultimo possa avere la certezza di svolgere un tirocinio attinente con la propria formazione, e non attività volte a sgravare l’azienda da compiti poco gradevoli. 

Rapporti con il territorio

Proponiamo di creare un apposito ufficio amministrativo che punti a ricercare e a proporre alle nuove aziende e imprese del nostro territorio la convenzione per il tirocinio con Unipa così da garantire alle studentesse e gli studenti di Palermo un maggiore numero di scelte ed evitare che questi siano messi in attesa ad aspettare che altri finiscano il tirocinio.

Diritto alla salute per tutte e tutti

Assistenza sanitaria di base

Se da un lato esiste un iter burocratico che permette di richiedere un medico di base al dì fuori della propria città, è anche vero che tale procedura richiede mesi, costringendo talvolta a una rinuncia alle cure.

Chiediamo che vengano ridotti i tempi di assegnazione del medico di base per le studentesse e gli studenti e che l’Università metta a disposizione di tutti e tutti la possibilità di ricevere assistenza di base, ginecologica e andrologica in maniera del tutto gratuita.

Assistenza psicologica

Il servizio di Psicologia offerto dall’Università, pur esistendo, non è in grado di essere un sostegno per tutte e tutti: la sua suddivisione della tassazione per fasce di reddito, porta molti ad affidarsi ad enti esterni pubblici o privati. Non risulta poi accessibile alle studentesse e gli studenti del corso di studi di Psicologia, che non ne hanno diritto di accesso, in quanto il consulto è tenuto dai docenti dello stesso.

Chiediamo che il servizio psicologico messo a disposizione dell’università sia garantito a tutti gli studenti e le studentesse, e che venga garantito in maniera del tutto gratuita!

Abbattimento delle barriere economiche

No-tax area a
30.000 euro

L’UDU da sempre lotta per un’università accessibile a tutte e tutti e senza barriere economiche. Per questo chiediamo che la No-tax area venga innalzata a 30.000 euro, continuando la nostra battaglia per una totale gratuità dell’accesso al sistema universitario.

Equiparazione contribuzione studentesca

Nel percorso verso un totale abbattimento delle barriere economiche e un pieno accesso al sistema universitario, pensiamo che sia necessario che non vi siano differenze tra il contributo di studenti e studentesse iscritti a macroaree diverse dell’ateneo. 

Chiediamo quindi un’equiparazione del contributo studentesco per fasce di reddito, e che questo venga portato al contributo minimo attualmente previsto.

Più voce agli studenti e alle studentesse!

Riforma del Consiglio degli Studenti

Il Consiglio degli Studenti è l’organo di maggiore rappresentanza della popolazione studentesca per questo chiediamo che venga riformato, a partire da un ampliamento del numero dei consiglieri.

Chiediamo inoltre che il suo parere diventi decisivo nelle discussioni dell’ateneo.

Il Consiglio in diretta

Proponiamo che le sedute del Consiglio degli Studenti, già pubbliche, vengano trasmesse in diretta streaming sui canali di UniPa, così da permettere la più ampia conoscenza alla popolazione studentesca sulle tematiche d’ateneo.

Insieme cambiare è possibile!

Torna su